94339462

Smart land: un territorio sostenibile, intelligente e inclusivo

Un paradigma che va oltre il modello della Smart City, adatto a realtà urbane di grandi dimensioni, l’idea della Smart Land sposa appieno il DNA di un Paese come l’Italia che, a fronte di poche metropoli, è composto per lo più da piccoli comuni, con identità proprie e caratteristiche peculiari difficilmente omologabili.

Quello della Smart Land è un concetto che ha un forte valore sociale, oltre che economico. Si tratta di un modello in grado di costruire, attraverso l’attuazione di pianificazioni di ampio respiro, un territorio sostenibile, intelligente e inclusivo, favorendone così la capacità di competere e rendendolo in grado di attrarre su di sé differenti livelli di interesse.

La Smart Land è dunque “un ambito territoriale nel quale, attraverso politiche diffuse e condivise, si aumenta la competitività e l’attrattività del territorio, con un’attenzione particolare alla coesione sociale, alla diffusione della conoscenza, alla crescita creativa, all’accessibilità e alla libertà di movimento, alla fruibilità dell’ambiente (naturale, storico-architettonico, urbano e diffuso) e alla qualità del paesaggio e della vita dei cittadini” (Aldo Bonomi, 2014) .

Lo sviluppo socio-economico che può essere avviato tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie digitali è possibile solo mettendo a punto modelli e servizi pensati ad hoc per realtà territoriali profondamente diverse dalle grandi aree urbane e metropolitane. Il fine ultimo è porre al riparo gli abitanti della smart land dal rischio di un nuovo digital divide tecnologico, penalizzante sia sotto il profilo della qualità della vita sia della competitività del sistema locale delle imprese.

Le politiche e le buone pratiche della Smart Land hanno effetto a molteplici livelli, dalla cittadinanza all’identità, dallo sviluppo all’economia, dall’energia alla mobilità, con implicazioni sulla filiera dei saperi, sull’identità del territorio e sul suo paesaggio, toccando ambiti e aspetti complementari e sinergici. Un’ampia e condivisa strategia di sviluppo tesa a migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi e della vita dei cittadini.

Il CRIT – Polo per l’Innovazione Digitale  è un poderoso motore di innovazione digitale nell’ottica di Samrt Land; un hub territoriale dedicato all’innovazione, un luogo che propone servizi e sperimentazioni con le realtà produttive in ambito IOT (Internet delle Cose) e Big Data, ambito sul quale le aziende del CRIT da tempo hanno avviato un progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia.